Kobudo - www.uisport2000.it

Uisport2000
Uisport 2000 Stadio San Paolo
Vai ai contenuti







Prenota Lezione di Prova
LE ORIGINI
 
Le armi del Kobudo derivano quasi tutte da attrezzi di uso quotidiano. L’evoluzione di questi attrezzi da lavoro in armi devastanti è collocabile direttamente ad una necessità di sopravvivenza di popolazioni su cui si accanivano pirati e signorotti in cerca di oro e di gloria. È una storia che sprofonda nel tempo e che da Okinawa si diparte in mille rivoli. Essa assorbe e trasforma tecniche antiche che viaggiavano con monaci erranti, guerrieri Ronin, commercianti, giramondo, principi fuggiaschi, umili pescatori, contadini, malfattori. È un crogiolo di esperienze da cui si ergeranno, potenti, le grandi scuole di Karate, Kobudo, Taekwondo, Jujitsu, Kung-fu, Muay-thay.
 


IL KOBUDO DI OKINAWA
 
Le armi del Kobudo hanno origini diverse, alcune delle quali si perdono nel tempo: il Surucin risale all’età della pietra come una formidabile arma per la caccia.
 
Il Nunchaku sembra derivi dal “morso del cavallo”.
 
Il Tonfa usato come manico scorrevole per le macine del riso.
 
il Sansetsukon usato per “battere i legumi”.
 
il Bo per il trasporto “a bilancia” di carichi molto pesanti.
 
Tra le armi più conosciute ci sono   poi la Kuwa (zappa), l’Eku (remo) e il Kama (falcetto).
Copyright Uisport Stadio San Paolo 2019
Torna ai contenuti