Bullismo: Carpe Diem

I bambini hanno molte difficoltà ad aprirsi e confidarsi soprattutto con gli adulti. Il più delle volte hanno sensi di colpa perché pensano (o gli viene fatto credere) che sono diversi e non adatti, un bambino che crede di avere colpa non chiede aiuto. I casi di bambini che hanno il coraggio di chiedere aiuto sono davvero pochi.

Ora, se si ha la fortuna che un bambino vittima di bullismo ha il coraggio di aprirsi si deve stare attenti a non perdere questa occasione, perché se si fallisce, è difficile recuperare.

Un bambino vittima di bullismo che si confida non è cosa di tutti i giorni, e quando succede, bisogna cogliere il momento, sta chiedendo aiuto, se non arriva o non ritiene valido l’aiuto, farà un passo indietro richiudendosi a riccio e rifiutando qualsiasi aiuto futuro.

Se un bambino ha un disagio e lo manifesta, quel disagio va colto e affrontato immediatamente fermandone la causa che lo manifesta. Cioè va fermato il bullo, se non si riesce a fermare il bullo non bisogna mettere in discussione la vittima, perché vive già le sue preoccupazioni e paure.

Rispondi